Archivi del mese: febbraio 2013

mr. kamasutra

mi ha rivoltato come un  calzino.

lo conosco da quarantanni ma non eravamo mai andati oltre una semplice amicizia.  E’ bastata una mia foto un po’ sexi pubblicata su fb per risvegliare il suo interesse e scatenare la nostra libido.

ieri pomeriggio è venuto a casa mia con tre violette e una bottiglia di ferrari maximum. ha comiciato subito a baciarmi e ad esplorare ogni parte del mio corpo. mani e lingua in ogni dove.

non sono nemmeno riuscita ad arrivare in camera, mi ha spogliato in sala, sul divano, in due minuti ero nuda tra le sue mani, la sua testa tra le mie gambe, mi ha leccato e morso con passione, mi ha fatto venire subito, non riuscivo a staccare la sua testa dalla mia figa, urlavo di piacere e dolore, il mio povero clito era tra i suoi denti, godevo e soffrivo ma non riuscivo a smettere.

faticosamente sono riuscita a trascinarlo in camera. si è spogliato e mi ha offerto la visione del suo corpo, 58 anni molto ben portati, un culo d’acciaio, addominali, belle spalle, un cazzo ben messo, non bello come quello dello scorpione 2 ma comunque grande, duro e con una buona circonferenza. Non sono riuscita a leccarlo, mi ha fatto sdraiare e ha continuato a giocare su di me…

mi passava la cappella sulla figa, mi faceva morire di voglia di sentirlo dentro… ai miei tentavi di farlo entrare opponeva un netto rifiuto, voglio fare con calma, voglio esplorarti bene, scoprirti. Morsi, baci, leccate, carezze….

finalmente si piazza in ginocchio tra le mie gambe, mi alza le gambe sulle sue spalle e con un colpo solo entra dentro! una scossa elettrica percorre il mio corpo, spinge con passione, mi stringe i fianchi, mi scopa con violenza.

mi gira di schiena, mi trascina sul bordo del letto, scende, mi allarga le gambe e mi prende a pecorina. Entra ed esce, ogni colpo è come il primo, emozionante ed eccitante da morire, alterna movimenti veloci ad altri lentissimi, allunga le mani e mi massaggia il clitoride… hai un clitoride bellissimo, senti com’è duro… si, duro e dolorante, il suo tocco è rude e dolce alternativamente… un orgasmo dietro l’altro, non riesco a fermarmi.

si ferma e siede sul letto, mi fa sedere sulle sue gambe e mi prende di nuovo, lo sento fino in fondo, le sue spinte e le mie si alternano…

eccitato dai miei orgasmi viene… e si lamenta perchè avrebbe voluto giocare più a lungo.

ma bastano pochi minuti di coccole e riprende e mi gira di schena, una mano sulla figa, ancora sul clitoride, si sdraia sulla mia schiena e mi prende infilandosi tra le mie gambe strette dalle sue… mamma mia, quanto tempo che non scopavo in questa posizione, non mi ricordavo quanto mi piacesse… per 10 aminuti almeno continua a torturarmi così, il clitoride ormai è gonfio, espode di piacere e dolore, la figa sembra che non ne abbia mai abbastanza, non so più dove aggrapparmi, alla testiera, ai cuscini, alle lenzuola…

poi si inginocchia tra le mie gambe e continua a scoparmi… giuro, non so quante volte sono venuta… il clitoride ormai è fuori uso, mi brucia, non riesco più a sopportare il tocco diretto allora lo massaggia stringendo le grandi labbra.. e mi monta … colpi su colpi senza tregua… io credo di impazzire dal piacere, sono un lago, i miei umori scorrono sulle mia gambe, sulle sue, sulle lenzuola…

quasi quasi spero venga di nuovo, ma si ferma, e ne approfitto per leccarlo un po’… gli piace come lo faccio, mi spinge la testa, mi prende per i capelli, mi spinge il viso tra le sue gambe, mi lecco le dita e gli infilo l’indice nel culo, gradisce… oh se gradisce… un po’ di tregua per la mia povera patatina…

illusa… si sdraia e mi fa sdraiare con le gambe verso il suo viso, mi tira verso di lui e mi impala di nuovo… tira le mie gambe e mi spinge a muovermi così… lo prendo in giro, gli dico che ne conosce più del kamasutra…

ride e si alza, si piazza tra le mie gambe, alza le mie fin dietro la mia testa, mi sa che dovrò andare un po’ di più in palestra, gli offro la visione del mio culo e della mia figa arrossata, non ha pietà di me, entra di nuovo, si inginocchia e spinge forte, sembra voglia perdersi dentro di me, così lo sento tantissimo, la sua cappella preme contro le pareti della mia figa… penso ora viene…

invece no, mi fa girare di schiena, mi prende di nuovo a pecorina, in piedi al bordo del letto… giuro, era tanto che sognavo un uomo che mi facesse sentire la sua bambola gonfiabile, mi piace essere attiva ma ogni tanto voglio essere dominata… ne avevo davvero bisogno

poi mi spinge leggermente più avanti, sale anche lui e in ginocchio mi spinge con la schiena ancora più in basso, e mi infila di nuovo il cazzo dentro, spinge, forte e poi lentissimamente entra ed esce, mi sente mugolare coma una pazza e finalmente viene di nuovo…

spossati ci sdraiamo… ci baciamo, accarezziamo, chiacchieriamo…

una mezz’oretta di riposo, poi comincia ad accarezzarmi il capezzolo, lentamente, ci gioca, ma a me la cosa eccita… più scopo più ne ho voglia… sento che mi sto inumidendo, il mio respiro si fa accellerato, lui se ne accorge e allora smette… basta, mi dice, non ci riesco… sentilo, è morbido, rilassato…

ma appena lo tocco da segni vita… lui per calmarmi mi infila due dita nella figa, senza sapere che è proprio quello che voglio, mi esplora e trova il punto che mi scatena lo squirt… oddio, vengo, e vengo alla grande e la mia voglia torna prepotente come prima…

comincio a mordicchiargli le spalle, poi lecco il collo, mordo il lobo… sei una stronza, mi dice…

dai, te ne do ancora un pochino poi ceniamo… mi fa sdraiare di schiena, e di nuovo mi prende come si è accorto che mi piace tanto… mi sembra che il mio corpo non risponda più di me, mi infila le dita in bocca, le mordo le lecco, mi tapppa la bocca, mi tira i capelli… potrei scopare così fino a domani… peccato per il clitoride inutilizzabile…

mi fa mettere sopra di lui, una gamba di lato e una in mezzo alle sue, e mi prende per i fianchi… guida i miei movimenti, poi il mio corpo prende il via e i miei movimenti si fanno più convulsi, godo, godo ancora…

mi dice sei grande, ho un po’ di esperienza e ti assicuro che sei grande davvero… lo bacio, lo lecco, e intanto mi muovo ancora… ora lentamente…

ora basta, ancora un pochino poi a tavola… mi sfila dal suo cazzo e si mette dietro di me di nuovo, sembra mi voglia punire, entra violentemente… vuole farmi godere ancora per darmi l’ultimo contentino… e invece, sorpresa, viene lui, di nuovo… no, non ci credo, non mi succede da quando avevo vent’anni e mi è successo con tre donne diverse lo stesso giorno…

so soddisfazioni….

ore 19.30, tre ore e mezzo volate… 5 minuti per riprendere fiato… poi ci alziamo, vado in bagno a lavarmi e a fare pipì… quasi urlo dal dolore… sono riuscita a lavarmi solo spruzzando l’acqua gelata… e questa mattina ancora mi fa male… ma erano mesi che sognavo un rapporto così intenso, un rapporto che mi lasciasse soddisfatta e con figa dolorante.

questa mattina è passato dall’ufficio e mi ha offerto un caffè… all’inizio ha fatto il ritroso, ho 58 anni, mi hai spompato.. non so quando riuscirò di nuovo

poi poco fa un sms: ho già voglia di te!!!

9 commenti

Archiviato in passioni, riflessioni, SESSO, sex

e chi sarà….

Arriva a casa mia alle 19.00, ho tanta voglia, ci siamo scambiati foto
>hard e promesse di passione per tutta la settimana, non vedo l’ora di
>sentire di nuovo il suo bel cazzo dentro di me, la sua lingua che
>esplora la mia figa.
>Appena entra cominciamo a baciarci, mi bagno subito, sento il
>desiderio pulsare in modo indecente, il suo cazzo è già duro dentro i
>pantaloni… non posso resistere a lungo.
>Mi propone di fumare una sigaretta, devo calmarmi per non bruciare le
>tappe, abbiamo alcune ore a disposizione… posso resistere!!!
>Ci spostiamo in cucina, mi racconta come va la sua vita, mi piace ascoltarlo, intanto guardo le sue mani,
>il suo viso un po’ stanco, le occhiaie…penso a come farlo rilassare
>per godere appieno della sua compagnia. Ricominciamo a baciarci, la
>sua mano si infila sotto la gonna nera, sfiora il bordo delle calze,
>esplora il mio reggicalze, si infila sotto al perizoma e trova la mia
>figa umida e pronta ad accogliere le sue dita.. mi masturba
>dolcemente… poi i miei respiri si fanno più frequenti e anche la sua
>voglia aumenta… il tocco si fa più insistente, entra dentro di me con
>maestria e mentre lo bacio vengo… i miei umori scorrono tra le sue
>dita.
>Impaziente gli slaccio i pantaloni e il suo meraviglioso cazzo è
>finalmente nelle mie mani… mi piego e lo prendo in bocca… che buono
>che è!!!!
>Mentre lui va in bagno mi sposto in camera e mi spoglio, mi sono
>vestita con attenzione, sottoveste di tulle, push up, perizoma,
>stringivita con reggicalze, calze velate e tacchi…
>Entra in camera e mi ammira… mi chiede di girarmi, gli offro la vista
>del mio culo, ancora non abbiamo fatto sesso anale, il suo cazzo è
>grande, temo di soffrire un po’ ma ho voglia di donargli tutto il mio
>corpo… Lo spoglio con impazienza ma non riesco a resistere al
>desiderio di prenderlo in bocca… mi piace, mi eccita sentire che
>apprezza il caldo della mia lingua su di lui… mi dice levati tutto,
>tieni le calze, mi piacciono…
>Ubbidiente mi spoglio e mi sdraio sul letto pronta ad accoglierlo,
>pronta a perdermi nel piacere che mi offrirà…
>Nudo è uno spettacolo, il suo bel corpo dorato mi eccita ancora di
>più… e il suo cazzo che guarda alto e rigido verso di me è un richiamo
>irresistibile…
>Si sdraia tra le mie gambe, me le allarga e infila il suo viso tra le
>cosce… mi guarda negli occhi e poi comincia a leccarmi… la lingua
>scorre lungo il pube, mi sono depilata totalmente, la mia figa gli
>piace così, liscia e morbida, senza alcun impedimento… la lingua mi
>esplora, dal buco del culo al clitoride… il piacere aumenta
>lentamente… sale sale sempre più, alzo i fianchi per offrigli tutta la
>mia femminilità, e lui la prende, la fa sua con destrezza… mi lecca,
>mi morde, mi fa godere… vengo, vengo tantissimo, un orgasmo lungo e
>sconvolgente
>Si stacca e si inginocchia tra le mie gambe, mi fa girare a pecorina e
>poi mi lecca di nuovo… che voglia ho di sentirlo dentro di me, nella
>figa, nel culo, in bocca…
>E mi prende così. Il suo cazzo entra in me… come mi riempie bene, ogni
>millimetro della mia figa è colmo… ogni millimetro vibra di piacere…
>scopami, prendimi, riempimi…
>Ogni suo colpo sembra portarmi all’estasi ma cerco di resistere,
>voglio sentirlo ancora dentro, voglio che duri tanto, voglio morire di
>piacere…
>Mi gira di nuovo, voglio sentirmi sua anche in questo, nel farmi
>muovere come desidera, voglio passione al 100%…
>Mi lecca di nuovo e il mio clitoride è così gonfio e duro che basta
>sfiorarlo con la lingua per farmi godere, il mento preme sulla vagina,
>la lingua esplora le labbra, si insinua tra di loro, le studia, le
>percorre tutte, il naso preme sul clitoride… poi lo lecca lo morde e
>il mio orgasmo esplode sul suo viso… e finalmente mi scopa così,
>permettendomi di vedere il suo torace scolpito, i bicipiti torniti, il
>viso finalmente rilassato nel piacere, e il cazzo che entra e esce da
>me… sempre più lucido di umori…
>Veniamo insieme, il suo seme dentro di me, e lui che spinge ancora
>fino a donarmi un orgasmo, completo e totale…lo vedo entrare ed
>uscire… i nostri umori mescolati… e siamo solo all’inizio della
>serata…

11 commenti

Archiviato in amore, cibo, passioni, riflessioni, SESSO